Modalità di pagamento

Per corrispondere le competenze maturate in favore dei nostri professionisti mettiamo a disposizione dei clienti una serie di metodi di pagamento al fine di consentire la scelta più comoda e aderente alle loro esigenze.

Di seguito indichiamo le varie modalità di pagamento accettate.
CONTANTI

Il comma 1, dell’art. 12, del decreto salva Italia (DL 201/2011), aveva ridotto a 1.000 euro il limite di utilizzo del denaro contante, dei libretti e dei titoli al portatore.

A partire dal 6 dicembre 2011 era, dunque, vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento, è complessivamente pari o superiore a mille euro anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiano artificiosamente frazionati.

La Legge di Stabilità 2016 ha modificato l’art. 49, c. 1 D.Lgs. n. 231/2007, aumentando da euro 1.000,00 a euro 3.000,00 la soglia per il trasferimento di denaro contante con effetto a decorrere dal 1° gennaio 2016 e, dunque, è possibile pagare le nostre prestazioni professionali con l'utilizzo del denaro contante unicamente nei casi in cui siano pari o inferiori al limite di 3.000 euro.



VAGLIA POSTALE


Se preferito può essere utilizzato il vaglia postale, altrettanto garantito sotto l'aspetto della disponibilità dei fondi.

Anche quest'ultimo, se emesso per un valore superiore a 1000 euro, deve essere sempre munito della clausola "non trasferibile"




VERSAMENTO SU CONTO PAYPAL


E' infine possibile, per chi dispone di un conto Paypal effettuare un trasferimento di denaro sul nostro conto Paypal seguendo le modalità che saranno indicate via email all'atto della richiesta del pagamento.

In tal caso, in base all'importo da accreditare potranno essere richieste al cliente delle spese aggiuntive, a titolo di commissioni per la transazione, richieste da Paypal.


ASSEGNO BANCARIO, POSTALE O CIRCOLARE

Accettiamo l'assegno bancario o postale come mezzo di pagamento, purchè sia emesso con la clausola "non trasferibile".

Naturalmente, in tal caso, la quietanza di pagamento potrà essere emessa, al momento dell'incasso, dopo aver verificato la disponibilità dei fondi sull'assegno stesso.

L'assegno circolare è parimenti utilizzabile ed anzi, se possibile, preferito per le sue caratteristiche di certezza della disponibilità dei fondi in esso contenuti.

Per emettere un assegno circolare è necessario rivolgersi presso il proprio istituto di credito nel quale saranno fornite tutte le istruzioni necessarie.



BONIFICO BANCARIO

Un mezzo di pagamento estremamente comodo e veloce, ormai facilmente eseguibile anche da casa, attraverso il proprio conto on line è costituito dal bonifico bancario, disposizione che consente, previa indicazione delle coordinate bancarie del beneficiario (codice IBAN) di trasferire denaro da un altro conto corrente.