Attività recente del sito

Proprietari del sito

  • Emilio Curci
HOME PAGE‎ > ‎RUBRICHE‎ > ‎Bacheca‎ > ‎

ll decreto sviluppo è legge: il testo del provvedimento e una sintesi delle novità

pubblicato 06/ago/2012 03:20 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 04/ott/2012 00:25 ]
Il 3.08.2012 il Senato ha definitivamente approvato con voto di fiducia dopo che sul medesimo testo si era pronunciata anche la Camera il cosiddetto "Decreto Sviluppo" (DL 83/2012 Decreto contenente misure urgenti per la crescita).

Tra le varie misure, per il cui approfondimento si rimanda alla lettura del testo completo inserito tra gli allegati, si segnalano le seguenti.

Filtro in appello per i giudizi civili e altre misure per la giustizia civile

Sulla scia di quanto già previsto in passato per disincentivare il ricorso al giudizio di Cassazione vengono introdotto un "filtro" anche per i giudizi di appello civili nonchè altre misure per la giustizia civile.

La misura è prevista dall'articolo che persegue tre obiettivi: a) prevedere un giudizio preventivo d’inammissibilità per gli appelli che non abbiano «ragionevole probabilità» di essere accolti attraverso l'introduzione dei nuovi artt. 348-bis e 348-ter c.p.c.); b) limitare la possibilità di proporre ricorso per cassazione ai sensi dell’articolo 360, n. 5 c.p.c.; c) incentivare l’attore ad introdurre la causa in primo grado nelle forme del procedimento sommario di cognizione (articolo 702-bis ss. c.p.c.)

Oltre ad essere previsto un giudizio preventivo sull'ammissibilità e la presunta fondatezza dell'appello, nel contenuto dell'atto di gravame vengono previsti una serie di requisiti formali per cui l’appellante dovrà specificamente indicare, a pena di inammissibilità, le parti del provvedimento impugnate, le modifiche richieste alla ricostruzione dei fatti compiuta dal giudice di primo grado, nonché le circostanze da cui deriva la violazione di legge e la loro rilevanza ai fini della decisione impugnata.

Limitato poi ulteriormente l'accesso al giudizio di Cassazione, atteso che lo stesso sarà possibile unicamente per vizio della motivazione su questione di fatto (articolo 360, n. 5 c.p.c.). 

Altre misure

Tra quelle più rilevanti segnaliamo le seguenti.

Per favorire lo sviluppo dele infrastrutture, l'edilizia ed i trasporti viene introdotto di un regime fiscale agevolato per gli interessi derivanti dalle obbligazioni emesse dalle società di progetto per finanziare gli investimenti in infrastrutture o nei servizi di pubblica utilità (project bond).

Per la ricostruzione e la ripresa economica dei territori colpiti dagli eventi sismici del 20-29 maggio 2012, oltre all'apprestamento urgente di prefabbricati destinati ad uso scolastico ed edifici pubblici, si prevede il procedimento per la ripianificazione del territorio comunale, tenendo anche conto dei nuovi insediamenti abitativi, nonchè l'estensione alle regioni Veneto e Lombardia del supporto di Fintecna necessario per le attività tecnico-ingegneristiche.

Innalzata dal 36 al 50 per cento la detrazione Irpef per le spese documentate per le ristrutturazioni edilizie sostenute fino al 30 giugno 2013.

Istituito lo sportello unico per l'edilizia ed i procedimenti amministrativi relativi alla denuncia di inizio attività (Dia) che diverrà l'unico punto di accesso per il privato per ogni questione in materia.

Tra le altre novità quelle riguardanti la riforma del mercato del lavoro (incentivi per assunzioni qualificate, disciplina delle attività dei call center), il potenziamento degli incentivi per l'efficienza energetica,  l'estensione delle bonifiche industriali alle attività di raffinerie, impianti chimici integrati e acciaierie e la modifica della disciplina dell'IVA per cassa (sarà dovuta, anche per le imprese solo al momento del saldo e non dell'emissione della fattura).
Č
Ċ
ď
Emilio Curci,
06/ago/2012 03:20