HOME PAGE‎ > ‎RUBRICHE‎ > ‎Bacheca‎ > ‎

Il Decreto Liberalizzazioni è legge

pubblicato 23 mar 2012, 08:29 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 05 giu 2012, 07:46 ]
In data 22 marzo la Camera ha definitivamente approvato con 365 sì, 61 no e 6 astenuti (426 votanti) il testo del DL Liberalizzazioni.

Passa, dunque, con voto di fiducia, il testo così come già emendato dal Senato.

Tra gli allegati vengono inseriti la legge di conversione n. 27 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 24 marzo 2012 ed il testo del provvedimento così come approvato dal Senato.

Di seguito riportiamo le novità principali:

Assicurazioni auto
Sconti sui premi per chi fa installare gratuitamente la  "scatola nera" sulla propria auto e a chi accetta di sottoporre il veicolo a ispezione preventiva, introdotto l'attestato di rischio telematico, obbligo dell'assicuratore di sottoporre al cliente i preventivi di almeno altre 3 compagnie concorrenti, stop ai rimborsi per i "colpi di frusta", previsti fino a 5 anni dire reclusione per le frodi assicurative e previsione di una e banca dati dei danneggiati e dei testimoni)

Banche
Gratuità dei conti correnti per i pensionati che percepiscono trattamenti fino a 1500 euro mensili, riduzione delle commissioni bancarie, eliminazione della commissione fino a 100 euro per i rifornimenti di carburante con carta o bancomat.
Inserita anche la previsione per cui sarà portabile e rinegoziabile senza alcun addebito e perdita di tempo un mutuo. Previsto inoltre che per la concessione di un mutuo non sarà più necessario aprire un conto in banca.
Anche le banche, come le assicurazioni, saranno obbligate a sottoporre al cliente almeno due preventivi di due gruppi assicurativi per le polizze sulla vita legate ai mutui ferma restando la possibilità del cliente di scegliere sul mercato un'alternativa più conveniente. 
Previste, infine, semplificazioni per l'estinzione di ipoteche accese a garanzia dei prestiti.

Distributori carburante
Eliminata l'esclusiva della fornitura per gli impianti con marchio della compagnia con possibilità di distribuzioni "multimarca" e introdotta la facoltà di vendere anche prodotti non petroliferi, come bevande, giornali o tabacchi

Farmacie
Prevista l'introduzione di circa 5 mila nuovi esercizi: ci sarà una farmacia ogni 3.300 abitanti, eliminazione di "quote riservate" per l'apertura di nuovi esercizi e abrogazione della pianta organica.

Tribunali delle imprese
Istituite 20 nuove sezioni specializzate in materia d'impresa, una per capoluogo di regione, con eccezione di Lombardia e Sicilia che ne avranno due e della Valle 
d'Aosta che farà capo a quello di Torino.

Class action
Potranno essere presentate anche per tutelare interessi collettivi e non più solo diritti. Introdotte anche multe al fine di sanzionare clausole vessatorie a danno dei consumatori. 

Notai
Previsto l'incremento del numero fino a 1.000 entro l'anno 2015

SRL per i giovani
Arriva la società semplificata a responsabilità limitata per gli under 35 con un capitale massimo di 10mila euro. Il costo del notaio sarà gratuito.

IMU (ex ICI) sulla Chiesa
Introdotta l'Ici sulle attività non esclusivamente commerciali della Chiesa. Fatti salvi scuole e gli ostelli. I partiti continueranno a esserne esenti.

Professioni
Vengono eliminate le tariffe professionali. Il compenso è pattuito al momento dell'incarico ma non deve più essere scritto. Introdotto l'obbligo del preventivo, solo su richiesta del cliente. Previsto l'obbligo di assicurazione professionale. Il tirocinio non può durare più di 18 mesi e viene riconosciuto un rimborso spese dopo i primi sei.
Nelle società di professionisti i soci di capitale dovranno essere al di sotto del 33%, previsto il segreto professionale tra soci, l'obbligo di maggioranza dei soci professionisti nelle decisioni e di assicurazione professionale per la responsabilità civile;

Taxi
affidata a Comuni e Regioni la competenza a stabilire, quando necessario, l'eventuale aumento del numero delle licenze;

Debiti Pubblica Amministrazione
Con il consenso del creditore le pubbliche amministrazioni potranno saldare i loro debiti anche attraverso gli istituti della compensazione, della cessione di crediti in pagamento, ovvero anche mediante specifiche transazioni condizionate alla rinuncia a interessi e rivalutazione monetaria.
Ċ
Emilio Curci,
26 mar 2012, 10:35
Ċ
Emilio Curci,
23 mar 2012, 08:29
Comments