HOME PAGE‎ > ‎RUBRICHE‎ > ‎Bacheca‎ > ‎

Entrata in vigore la testimonianza scritta nel processo civile

pubblicato 15 mar 2010, 14:44 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 02 gen 2011, 02:55 ]

Il Decreto del 17 febbraio scorso, concernente “Approvazione del modello di testimonianza scritta e delle relative istruzioni per la sua compilazione”, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 1 marzo 2010, n. 49 ha dato ufficialmente il via alla testimonianza scritta nel processo civile.

Con l’emanazione di tale decreto, l’istituto della testimonianza scritta, già previsto dalla legge di riforma n. 69/2009, entra, dunque, nella sua fase di attuazione.

La possibilità di utilizzare la testimonianza scritta, infatti, era stata introdotta dall’articolo 46, comma 8, della legge sopra citata, con il quale il Legislatore ha inserito nel nostro codice di procedura civile l’articolo 257 bis, con cui è stata ammessa la possibilità di rendere per iscritto una testimonianza, nella ipotesi in cui, sentite le parti e con particolare riguardo all’oggetto della causa, il giudice lo autorizzi

In particolare sono previste tre condizioni:

  • l’accordo delle parti;
  • la valutazione della natura della causa e di ogni altra circostanza utile da parte del giudice;
  • la discrezionalità del giudice nel disporla.

Le risposte dovranno essere reso per iscritto su un modello ministeriale (scritto a penna e con grafia leggibile) e autentica della firma al comune, dal segretario comunale, oppure da un cancelliere giudiziario unicamente su supporto solo cartaceo senza l’ausilio dei modelli telematici.

L’autentica della firma è gratuita, ed esente da bollo e qualsivoglia diritto. Il testimone dovrà, aver cura, nella compilazione del modello, di leggere le avvertenze, di dichiarare se si trova in una situazione di incompatibilità oppure in una situazione tale per cui ritenga di doversi astenere, quale ad esempio, il segreto testimoniale, il rapporto di parentela, il rapporto di lavoro e/o personale, o, infine, un interesse in causa.

Il testimone avrà l’obbligo di chiarire solo i fatti, astenendosi da opinioni personali, precisando quale sia la fonte della sua conoscenza.

E' previsto anche un regime sanzionatorio: infatti, nel caso di mancata consegna delle risposte, oppure di ritardo, il testimone rischia una sanzione pecuniaria che va dai 100 ai 1000 euro; ovviamente scatterà anche il reato di falsa testimonianza, per le risposte false o reticenti, con la pena della reclusione da 2 a 6 anni.

In seguito alla compilazione e autenticazione del modello, il testimone potrà:

  • o consegnare direttamente, a mano, il modello al cancelliere del giudice davanti al quale pende il procedimento, per cui viene richiesta la testimonianza;
  • oppure inviare lo stesso tramite raccomandata.

Nell'ipotesi in cui vi siano dubbi circa la attendibilità del testimone, al giudice viene concessa la facoltà, dopo aver esaminato le risposte e le dichiarazioni, di disporre che il testimone venga chiamato a deporre dinanzi a lui o ad un giudice delegato.

Ancora, nel caso in cui la testimonianza abbia ad oggetto dei documenti di spesa gia depositati dalle parti, è previsto che la stessa possa essere resa tramite dichiarazione sottoscritta dal testimone, con la trasmissione al difensore della parte nel cui interesse la prova è stata ammessa, senza ricorrere al modello ministeriale.

Fonte: Altalex.com


Si riporta di seguito il testo del decreto ministeriale

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, DECRETO 17 febbraio 2010

Approvazione del modello di testimonianza scritta e delle relative istruzioni per la sua compilazione. (10A02513)

(GU n. 49 del 1-3-2010)

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Visti gli articoli 46, ottavo comma, e 52, terzo comma, della legge 18 giugno 2009, n. 69;

Visto l'art. 257-bis del codice di procedura civile, recante la disciplina della testimonianza scritta nel processo civile;

Visto l'art. 103-bis delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie, di cui al regio decreto 18 dicembre 1941, n. 1368, secondo cui la testimonianza scritta e' resa su di un modulo conforme al modello approvato con decreto del Ministro della giustizia, che individua anche le istruzioni per la sua compilazione;

Decreta:

Articolo 1

Sono approvati il modello di testimonianza scritta e le istruzioni per la sua compilazione di cui agli allegati A e B al presente decreto.

Articolo 2

Il presente decreto e i relativi allegati verranno pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 17 febbraio 2010.

Il Ministro: Alfano

Tra gli allegati i modelli previsti dal Ministero per rendere le dichiarazioni

Ċ
Emilio Curci,
15 mar 2010, 14:59
Ċ
Emilio Curci,
15 mar 2010, 14:59
Comments