HOME PAGE‎ > ‎NEWS‎ > ‎

Lo studio legale Curci & Genovese ha avviato il progetto "paperless" per una professione più sostenibile

pubblicato 23 ott 2017, 02:07 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 23 ott 2017, 02:07 ]
Il nostro studio legale ha deciso di avviare un nuovo progetto denominato "paperless" (dall'inglese testualmente "senza carta") che dovrà portarci a sostituire progressivamente tutta la documentazione cartacea con quella digitale. 
Naturalmente non sarà possibile eliminare del tutto l'uso della carta, ma l'obiettivo è , dapprima, di digitalizzare l'intero l'archivio esistente e quindi continuare a fare sempre meno ricorso al supporto cartaceo preferendo la conservazione di ogni documento in modalità elettronica (ove possibile ed in conformità con la legislazione esistente). 
Il progetto, in ogni caso, fa seguito ad un utilizzo già avviato di tale modalità di lavoro che attualmente già prevede la creazione di cartelle digitali per ogni nuova pratica e l'archiviazione dei relativi documenti, ma che in futuro dovrà ulteriormente ampliarsi grazie a nuovi investimenti anche in ottica di strumenti di acquisizione digitale e di conservazione dei documenti.
Lo scopo è non solo quello di realizzare un evidente risparmio in termini di costi e di tempo, ma anche di migliorare la qualità del lavoro dei professionisti rendendo loro immediatamente accessibile ogni documento, ma anche la soddisfazione dei clienti che utilizzando strumenti informatici potranno essere sempre più informati in tempo reale sull'andamento delle loro pratiche ed avere la continua disponibilità dei documenti che li riguardano anche in modalità remota.
La scelta del supporto digitale consentirà infine un maggiore rispetto dell'ambiente sia in termini di consumi di energia elettrica che di utilizzo della carta provando così a rendere la nostra professione legale anche maggiormente sostenibile.
L'obiettivo è di completare l'intero processo di digitalizzazione e di mettere a regime l'intero sistema  entro la fine dell'anno 2018.