HOME PAGE‎ > ‎

NEWS

In questa pagina vengono raccolte e segnalate tutte le iniziative di interesse giuridico/legale promosse dal sito, gli eventi  organizzati con la collaborazione dei nostri professionisti ovvero quelli ai quali essi hanno preso parte, nonchè tutte le informazioni relative ad attività ritenute meritevoli di rilievo o, comunque, promosse dallo studio legale Curci & Partners.

E' possibile dunque, a titolo esemplificativo reperire notizie relative a:
- novità inserite sul presente portale;
- eventi formativi in campo giuridico quali corsi di formazione o seminari;
- iniziative di tipo editoriale;
- campagne di sensibilizzazione o di informazione lanciate dal nostro sito e/o da altri professionisti;
- novità dal nostro studio legale;
- più in generale ogni attività che direttamente o indirettamente viene organizzata al fine di coinvolgere utenti e lettori di emiliocurci.net.

Lo studio legale Curci & Partners seleziona neolaureati per tirocinio professionale

pubblicato 16 feb 2018, 06:49 da Emilio Curci

A seguito dell'avvio del processo di riorganizzazione e ristrutturazione lo studio legale Curci & Partners (già studio legale Curci & Genovese), come indicato nei precedenti post, intende avviare un iter di selezione di neolaureati in giurisprudenza ai quali far compiere il periodo di tirocinio professionale al proprio interno.

All'esito di tale periodo di formazione ai soggetti prescelti che terminereanno con profitto il tirocinio professionale, acquisendo il titolo di avvocato, lo studio valuterà la possibilità di offrire proposte di associazione  nella propria struttura.

Al fine di conoscere i requisiti richiesti per partecipare a tale selezione è possibile consultare la pagina www.emiliocurci.net/tirocinio attraverso la quale inviare anche la propria candidatura entro il termine del 15 aprile 2018.

Dal mese di febbraio 2018 lo Studio legale Curci & Genovese diventa Studio legale Curci & Partners

pubblicato 19 gen 2018, 01:21 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 31 gen 2018, 09:44 ]

Da febbraio 2018 lo studio legale Curci & Genovese modifica la sua denominazione in studio legale Curci & Partners.

Lo studio, infatti, a seguito dell'imminente passaggio dell'Avv. Antonia Genovese quale lavoratore dipendente presso un'importante struttura societaria che si occupa della gestione di crediti problematici ha deciso di intraprendere un importante percorso di ristrutturazione e riorganizzazione.

Auguriamo, perciò, all'Avv. Genovese di svolgere nella maniera migliore possibile il suo nuovo incarico portando nella sua sede di lavoro, anche un pò, dell'esperienza maturata all'interno dello studio.

Nel contempo, come detto, lo studio, pur rimanendo invariato l'incarico di direzione e coordinamento dell'Avv. Emilio Curci ed il rapporto di collaborazione dello stesso con diversi professionisti esterni per lo svolgimento delle pratiche ad esso affidate intende ricercare nuove risorse umane da formare al proprio interno, dapprima come tirocinanti avvocati e poi, in base ai risultati di tale esperienza, come potenziali partners professionali.

Per tali motivi, entro la fine del mese di febbraio 2018, su questo sito sarà inserito un apposito form sul quale avanzare la propria candidatura per svolgere il tirocinio legale per l'acquisizione del titolo di avvocato presso lo  studio non essendo ammesse diverse forme di invio delle candidature stesse.

Buon 2018 a tutti i nostri visitatori

pubblicato 3 gen 2018, 09:33 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 3 gen 2018, 09:33 ]

Vogliamo rivolgere i migliori auguri di buon anno a tutti i nostri visitatori. Abbiamo chiuso l'anno 2017 con oltre 48.000 utenti che hanno visualizzato le pagine di emiliocurci.net e 53.000 sessioni. 

Lo consideriamo un buon risultato di cui ringraziare tutti coloro che anche solo per poco tempo, per necessità o solo per semplice curiosità hanno deciso di navigare sulle nostre pagine, sperando che ciascuno abbia trovato informazioni utili o soluzioni alle problematiche legali alle quali era interessato.

Il nostro scopo per quest'anno appena iniziato sarà quello di rendere il sito ancora più fruibile e ricco di informazioni e di servizi con la chiarezza e la trasparenza di sempre e con l'obiettivo di superare il numero di visitatori dello scorso anno.

L'impegno e la passione sarà sempre la stessa e, quindi, chiediamo a tutti soltanto di venirci a trovare spesso. Troverete, notizie, strumenti ed informazioni in campo legale sempre più complete e se vorrete lasciarci commenti, notizie o suggerimenti potrete sempre farlo scrivendo sul nostro libro degli ospiti o indirizzando una mail ad info@emiliocurci.net.

Grazie e buon 2018 a tutti

Lo studio legale Curci & Genovese è abilitato ad utilizzare il processo tributario telematico

pubblicato 15 nov 2017, 10:08 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 15 nov 2017, 10:08 ]

Lo studio legale Curci & Genovese si è abilitato, previa apposita registrazione sulla piattaforma della Giustizia Tributaria telematica all'utilizzo del processo tributario telematico e ne sta utilizzando regolarmente i sistemi. 

Abbiamo, infatti, già introdotto diversi ricorsi in modalità completamente telematica, dalla notifica dell'atto sino al deposito presso la competente Commissione Tributaria  Provinciale velocizzando così i tempi di gestione del contenzioso e ottenendo anche risparmi per i clienti dal momento che tutte le notifiche non vengono più eseguite in modalità cartacea, ma esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è ormi attivo sull'intero territorio nazionale e, dunque, è possibile, sin d'ora, gestire contenziosi fiscali presso qualsiasi commissione provinciale, motivo per cui i nostri professionisti sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di apposita consulenza in materia.

Tassa sui rifiuti: la consulenza del nostro studio per valutare eventuali errori e chiedere i rimborsi

pubblicato 14 nov 2017, 10:06 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 14 nov 2017, 10:06 ]

Così come emerso dalle dichiarazioni del sottosegretario all'Economia Baretta, secondo il Ministero, negli ultimi anni alcuni Comuni avrebbero commesso diversi errori nel calcolo della Tassa sui rifiuti facendo così aumentare a dismisura le somme dovute dai cittadini.

La tassa rifiuti (così come riformulata dalla L.147/13) prevede l'obbligo di versamento in favore dei Comuni a carico di chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre spazzatura.

La tassa comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa sia applica in maniera proporzionale ai metri quadrati dell'abitazione, mentre quella variabile, aumenta a  seconda del numero dei familiari che occupano l'immobile. La quota variabile va, dunque, calcolata una sola volta sull'insieme di casa e pertinenze immobiliari (es: box auto, cantine, ecc..), tenendo, come detto, ovviamente conto del numero degli occupanti l'immobile.  Ciononostante alcuni Comuni invece di applicare la quota variabile soltanto una volta l'avrebbero applicata tante volte quante sono le pertinenze dell'abitazione provocando un aumento a dismisura del tributo.

Esemplificando, per un appartamento in cui vive una famiglia di 4 persone, con superficie complessiva di 150 mq., di cui 100 di casa, 30 di garage e 20 di cantina, la parte variabile della tariffa relativa ad autorimessa e cantina (come precisato dal punto 4.2 dell'allegato 1 al DPR n. 158/99) "va computata solo una volta, considerando l'intera superficie dell'utenza composta sia dalla parte abitativa che dalle pertinenze site nello stesso comune"  e non, invece, altre due (poichè in presenza di due pertinenze).

Prima di procedere ad eventuali richieste di rimborso è però necessario valutare se il proprio Comune abbia applicato indebitamente la Tari esaminando l'avviso di pagamento che normalmente riporta le voci di calcolo del tributo per ogni unità immobiliar autonomamente accatastata (anche se pertinenza). In linea generale è possibile affermare che si matura il diritto al rimborso quando la quota variabile risulti essere calcolata per ogni unità.

La richiesta di rimborso va effettuata entro cinque anni dal pagamento (termine di prescrizione in materia tributaria) e può essere inoltrata direttamente al Comune senza alcuna formalità particolare. 

In assenza di riscontro entro 90 giorni si forma il c.d. "silenzio rifiuto" avvero il quale il contribuente può ricorrere in Commissione Tributaria Provinciale senza termini di decadenza purchè entro i cinque anni dall'avvenuto pagamento.

Diversamente in caso di rifiuto espresso è possibile ricorrere sempre alla Commissione Tributaria entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento di rifiuto.

Trattandosi di valutazioni tecniche sia sul piano giuridico che tributario consigliamo sempre di rivolgersi ad un professionista per le valutazioni del caso.

Il nostro studio legale svolge un apposito servizio di consulenza in  materia e può assistere il contribuente sin dalla fase della richiesta di rimborso fino alla proposizione dell'eventuale ricorso tributario. Per eventuali richieste o chiarimenti è possibile inviare sempre una e-mail all'indirizzo info@emiliocurci.net

Continua l'avanzamento del progetto paperless con possibilità di acquisizione delle firme dei clienti su tablet o dispositivo mobile

pubblicato 2 nov 2017, 15:30 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 15 nov 2017, 10:12 ]

Continua l'avanzamento del progetto paperless avviato dal nostro studio.

A partire dal mese di novembre, infatti, per tutti i clienti che ne faranno richiesta, i contratti di conferimento incarico professionale allo studio, contenenti le condizioni generali per l'espletamento del mandato potranno essere predisposti su file pdf editabili e sottoscritti con firma apposta dal cliente direttamente su tablet o dispositivo mobile.

Il cliente potrà, cioè, compilare il modello inserendo i dati su tablet, sottoscriverlo contestualmente apponendo la propria firma con apposito pennino e riceverlo via email.

Tale scelta operativa consentirà non solo una maggiore facilità di conservazione dei contratti, ma anche una maggiore rapidità di svolgimento, nonchè una notevole riduzione dei supporti cartacei.
Il modello pdf editabile è stato caricato tra i documenti allegati alla pagina "Condizioni e Tariffe" del sito.

Lo studio legale Curci & Genovese ha avviato il progetto "paperless" per una professione più sostenibile

pubblicato 23 ott 2017, 02:07 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 23 ott 2017, 02:07 ]

Il nostro studio legale ha deciso di avviare un nuovo progetto denominato "paperless" (dall'inglese testualmente "senza carta") che dovrà portarci a sostituire progressivamente tutta la documentazione cartacea con quella digitale. 
Naturalmente non sarà possibile eliminare del tutto l'uso della carta, ma l'obiettivo è , dapprima, di digitalizzare l'intero l'archivio esistente e quindi continuare a fare sempre meno ricorso al supporto cartaceo preferendo la conservazione di ogni documento in modalità elettronica (ove possibile ed in conformità con la legislazione esistente). 
Il progetto, in ogni caso, fa seguito ad un utilizzo già avviato di tale modalità di lavoro che attualmente già prevede la creazione di cartelle digitali per ogni nuova pratica e l'archiviazione dei relativi documenti, ma che in futuro dovrà ulteriormente ampliarsi grazie a nuovi investimenti anche in ottica di strumenti di acquisizione digitale e di conservazione dei documenti.
Lo scopo è non solo quello di realizzare un evidente risparmio in termini di costi e di tempo, ma anche di migliorare la qualità del lavoro dei professionisti rendendo loro immediatamente accessibile ogni documento, ma anche la soddisfazione dei clienti che utilizzando strumenti informatici potranno essere sempre più informati in tempo reale sull'andamento delle loro pratiche ed avere la continua disponibilità dei documenti che li riguardano anche in modalità remota.
La scelta del supporto digitale consentirà infine un maggiore rispetto dell'ambiente sia in termini di consumi di energia elettrica che di utilizzo della carta provando così a rendere la nostra professione legale anche maggiormente sostenibile.
L'obiettivo è di completare l'intero processo di digitalizzazione e di mettere a regime l'intero sistema  entro la fine dell'anno 2018.

Da gennaio 2017 lo studio legale Curci & Genovese cambia sede

pubblicato 12 ott 2016, 02:36 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 12 ott 2016, 02:36 ]

Dal mese di gennaio 2017 lo studio legale si trasferirà dall'attuale sede di Via Putignani n. 267 in Bari nel nuovo ufficio di Via Principe Amedeo n. 164, sempre in Bari. 

 La nuova sede consentirà una migliore organizzazione del lavoro in spazi più ampi e rinnovati e la presenza di nuovi collaboratori, al fine di garantire un migliore servizio di assistenza legale a tutti i nostri clienti.

Fino al mese di dicembre 2016 continueremo, comunque, ad essere operativi all'indirizzo di Via Putignani n. 267, per cui sarà possibile fissare appuntamenti in loco nelle consuete modalità. Da gennaio 2017 saremo, invece, felici di accogliervi nella nostra nuova sede.

Allo stesso modo i nostri contatti rimarranno invariati anche dopo il trasferimento nei nuovi uffici. 

Nasce il servizio: richiesta telematica di informazioni alla Procura ex art. 335 c.p.p.

pubblicato 23 mar 2016, 03:21 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 4 set 2017, 02:32 ]

L'art. 335 del codice di procedura penale consente alle persone interessate (imputato o persona offesa) di richiedere alla Procura della Repubblica alcune informazioni in merito agli eventuali procedimenti penali iscritti a loro nome, consistenti nel numero di registro, nominativo del PM e reato per cui si procede.

Oggi è possibile proporre tale istanza, tradizionalmente depositata in modalità cartacea, anche in modalità telematica, attraverso l'utilizzo di un apposito servizio reso da numerose Procure sul territorio nazionale.

Il nostro studio può inoltrare telematicamente domande sull'intero territorio nazionale (limitatamente alle Procure abilitate all'erogazione di tale servizio) previa acquisizione da parte dei soggetti interessati dei seguenti documenti:

- mandato penale  debitamente sottoscritto che abilita a formulare tale richiesta per conto del soggetto interessato;
- dati anagrafici inerenti il soggetto richiedente (indagato o persona offesa dal reato).

Esaminata l'istanza la Procura interessata mette a disposizione, sempre telematicamente, la certificazione richiesta che può essere scaricata direttamente dal legale che ha presentato la relativa domanda.

Il costo del servizio è di 30 euro (IVA e accessori inclusi) e comprende le seguenti attività:

- acquisizione della documentazione preliminare;
- presentazione della domanda;
- acquisizione della certificazione;
- trasmissione al cliente della certificazione ricevuta a mezzo email in formato digitale o a mezzo posta in formato cartaceo.

Per richiedere tale servizio è possibile inviare un'email all'indirizzo: info@emiliocurci.net avente ad oggetto: richiesta procura 335, specificando nel corpo del messaggio, a quale Procura si intende richiedere la certificazione, nonchè i propri dati anagrafici.

Provvederemo a contattarvi quanto prima per l'acquisizione della documentazione necessaria finalizzata al successivo inoltro della domanda.

Nasce filo diretto: il servizio per consulti legali urgenti

pubblicato 1 feb 2016, 06:56 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 27 mar 2017, 02:24 ]

Nasce: Filo diretto, il servizio di consulto legale urgente attivo 7 giorni su 7 offerto dal nostro sito, pensato per venire incontro alle esigenze di tutti coloro che hanno bisogno di ricevere le prime indicazioni per affrontare una determinata problematica legale improvvisamente insorta e/o comunque per ricevere spiegazioni su questioni di tipo legale in genere.

Viste le caratteristiche per cui è pensato filodiretto non fornisce una consulenza legale completa, ma è un primo aiuto a chi voglia ottenere delle risposte immediate ed urgenti ad un problema insorto e conoscere dei possibili orientamenti su come gestire inizialmente la situazione ed è completamente gratuito.

L'eventuale attività legale da svolgere o la consulenza specifica saranno preventivate e svolte solo se accettate dal cliente alle condizioni economiche proposte.

Per utilizzarlo basta collegarsi alla pagina del sito dedicata al servizio e seguire le relative istruzioni.

1-10 of 52