HOME PAGE‎ > ‎Bacheca‎ > ‎

Privacy: definite dal Garante le regole per l'uso dei dati per le comunicazioni promozionali telefoniche

pubblicato 3 feb 2011, 10:11 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 3 feb 2011, 10:19 ]

Il Garante per la privacy ha fissato (con un provvedimento pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 31.01.2011) i limiti entro i quali gli operatori del settore potranno utilizzare i dati personali degli abbonati presenti negli elenchi telefonici per effettuare chiamate con operatore ai fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, ricerche o comunicazioni commerciali.

Dall'entrata in vigore del provvedimento, dunque, gli abbonati che non desiderano ricevere telefonate pubblicitarie devono iscriversi al Registro, gestito dalla Fondazione Ugo Bordoni.

Le societa' attive nel settore del telemarketing non potranno piu' contattare i numeri degli abbonati che si sono iscritti nel Registro. Se un abbonato ha chiesto a una determinata azienda di non essere piu' disturbato, quell'azienda dovra' rispettare la sua volonta' anche se l'abbonato non si e' iscritto al Registro, mentre la singola azienda che abbia già ricevuto in passato il consenso dell'abbonato a ricevere comunicazioni promozionali, potra' contattarlo, anche se questi e' iscritto nel Registro. In ogni caso il consenso, potra' essere ritirato in qualunque momento.

Il mancato rispetto delle prescrizioni dell'Autorita' comporta l'applicazione di una sanzione da 30mila a 180mila euro, che potra' raggiungere, nei casi piu' gravi, anche i 300mila euro.

Tra gli allegati il testo del provvedimento


Ċ
Emilio Curci,
3 feb 2011, 10:18