HOME PAGE‎ > ‎Bacheca‎ > ‎

Decreto crescita 2.0: approvata la legge di conversione

pubblicato 13 dic 2012, 09:22 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 19 dic 2012, 09:47 ]
Con 261 voti favorevoli, 55 contrari e 131 astenuti alla Camera è stato convertito in legge il decreto sviluppo 2.0 (rubricato come DL 179/2012) nella medesima versione già approvata al Senato in data 6.12.2012.

Rimandando al testo integrale della legge di conversione, segnaliamo, di seguito, le principali novità legislative introdotte dal provvedimento più noto come "Decreto sviluppo bis".

Particolarmente degna di rilievo e attesa da più parti l'introduzione della c.d. "Agenda Digitale", grazie alla quale in molti settori statali, quali la giustizia, la sanità e la scuola, saranno semplificati numerosi adempimenti.

Tra questi ricordiamo l'introduzione della carta di identità elettronica e la possibilità per i cittadini di comunicare con le istituzioni a mezzo di un indirizzo di posta elettronica certificata.

La carta d'identità e la tessera sanitaria verranno accorpate in un unico tesserino elettronico.

Introdotte anche le certificazioni di malattia e congedo telematiche per i dipendenti statali che potranno essere trasmesse unicamente attraverso tale modalità ed il fascicolo sanitario elettronico.

Per la scuola è prevista l'introduzione del fascicolo elettronico dello studente e la progressiva sostituzione dei libri cartacei con quelli digitali.

In ambito giustizia prenderanno, infine, ufficialmente il via le notifiche telematiche.

Per realizzare tali obiettivi la legge si pone l'ambizioso obiettivo di eliminare il c.d. "digital divide" termine con il quale si intendono le difficoltà che impediscono a tutti l'accesso alla rete internet.

Prevista, a tal fine una "carta dei diritti di accesso ad internet" che dovrà appunto garantire la fruizione di Internet senza alcuna discriminazione o forma di censura.

Introdotti incentivi per le c.d. "startup" alle quali sarà garantita la possibilità di detrarre una somma pari al 19% dell'importo investito dal 2013 al 2015.

Previsto, a partire dal 2014, anche l'obbligo per i commercianti di accettare pagamenti elettronici (bancomat e simili).

Introdotta anche la possibilità di acquistare biglietti degli autobus dal cellulare scalando il relativo importo dal proprio credito.

Prorogate, infine, le concessioni delle spiaggie demaniali in scadenza nel 2015 per altri cinque anni fino al 2020.