HOME PAGE‎ > ‎Bacheca‎ > ‎

Approvata in via definitiva la nuova "legge di stabilità"

pubblicato 14 nov 2011, 09:12 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 14 nov 2011, 09:12 ]
In data 12 novembre 2011 il Parlamento ha approvato in via definitiva la legge di stabilità 2012 che si va, così, ad aggiungere alle due manovre finanziarie già varate nel corso dell'anno.

La legge in questione, che ha preso il n. 183/2011, interviene in numerosi campi tra cui quello del lavoro, delle pensioni, della liberalizzazione dei servizi pubblici locali e degli ordini professionali.

In particolare, tra le novità più rilevanti si segnalano:

l'età di 67 anni, a partire dal 2026, per andare in pensione di vecchiaia;
la liberalizzazione dei servizi pubblici locali;
un piano per ridurre il debito degli enti locali;
la riforma degli ordini professionali con l'abolizione delle tariffe minime e la possibilita' di costituire società tra professionisti;
la possibilità di ricollocare mediante la mobilità i dipendenti pubblici in esubero;
l'aumento delle imposte sui carburanti;
il raddoppio del contributo unificato per i ricorsi in Cassazione e l'aumento del 50% per i giudizi di appello;
la decontribuzione per tre anni dei nuovi contratti di apprendistato;

Si rimanda a successivi approfondimenti l'esame delle varie novità.

Nel frattempo, tra gli allegati vengono inseriti il testo integrale della legge di stabilità ed il dossier parlamentare contente l'illustrazione delle novità previste da ogni articolo. 


Ċ
Emilio Curci,
14 nov 2011, 09:12
Ċ
Emilio Curci,
14 nov 2011, 09:12
Comments