Se la società intende sporgere querela è sufficiente la firma del legale rappresentante

pubblicato 18 mag 2012, 11:10 da Emilio Curci
Cassazione penale , sez. VI, sentenza 02.05.2012 n° 16150

In merito alle querele proposte nell'interesse di una persona giuridica, la legittimazione non spetta necessariamente al Consiglio di Amministrazione, ma è sufficiente la firma del legale rappresentante.

Infatti, in mancanza di un esplicito e specifico divieto statutario o assembleare di una società di capitali, l'esercizio del diritto di querela, pur trattandosi di un atto di straordinaria amministrazione, rientra tra i compiti del rappresentante legale di una società di capitali e non richiede un apposito e specifico mandato in quanto gli amministratori possono compiere tutti gli atti che rientrano nell'oggetto sociale, salve le limitazioni derivanti dalla legge o dall'atto costitutivo.
Ċ
Emilio Curci,
18 mag 2012, 11:10
Comments