Affido condiviso, deroghe

pubblicato 02 gen 2011, 03:07 da Emilio Curci   [ aggiornato in data 04 ago 2011, 06:33 ]
Cassazione Civile Sez. VI - ordinanza n. 24526 del 2.12.2010

- Alla regola dell'affidamento condiviso dei figli può derogarsi solo ove la sua applicazione risulti "pregiudizievole per l'interesse del minore", con la duplice conseguenza che l'eventuale pronuncia di affidamento esclusivo dovrà essere sorretta da una motivazione non solo più in positivo sulla idoneità del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneità educativa ovvero manifesta carenza dell'altro genitore.

- L'oggettiva distanza esistente tra i luoghi di residenza dei genitori non preclude la possibilità di un affidamento condiviso del minore ad entrambi i genitori, potendo detta distanza incidere soltanto sulla disciplina dei tempi e delle modalità della presenza del minore presso ciascun genitore (artt. 155, comma 2, e 155 quater, comma 2, cc)”.

Tra gli allegati il testo integrale dell'ordinanza
Ċ
Emilio Curci,
02 gen 2011, 03:12
Comments