Attività recente del sito

Proprietari del sito

  • Emilio Curci

Calcolo danno biologico

La figura del danno biologico è stata elaborata nel corso degli anni dalla giurisprudenza.

Prima di tali elaborazioni l'ordinamento italiano non prevedeva la risarcibilità di tale voce di danno, ma unicamente il risarcimento del danno cosiddetto "patrimoniale". Il solo danno fisico risarcibile era considerato o quello "emergente", inteso dal punto di vista economico o il "lucro cessante" inteso come perdita delle possibilità di guadagno astrattamente collegate alle capacità reddituali del danneggiato.

Successivamente, essendo venute alla luce varie situazioni in cui non era possibile applicare detto principio, soprattutto nelle ipotesi di soggetti non lavoratori, il concetto di danno risarcibile si è spostato sul valore più generale dell'integrità psico-fisica del soggetto, prescindendo, quindi, da ogni valutazione sulla sua capacità lavorativa o reddituale.

Oggi il danno biologico è una categoria di danno ormai pacificamente riconosciuta dalla dottrina e dalla giurisprudenza e, dunque, il problema si è spostato sulle modalità di calcolo e della sua effettiva liquidazione.

Per il danno biologico nascente da sinistro stradale ed inferiore i 9 punti percentuale di invalidità permanente (c.d. "micropermanenti") esistono le apposite tabelle dettate dal legislatore a seguito della legge n. 57/2011 e della riforma del Codice delle Assicurazioni.

Per le ipotesi di danno derivante da infortunio sul lavoro e per altre tipologie di danno superiori al 9%, invece, è necessario utilizzare differenti tipi di tabelle.
 
CRITERI DI QUANTIFICAZIONE DEL DANNO BIOLOGICO
 
 
I criteri per il calcolo del danno biologico permanente e dell'indennità giornaliera di invalidità temporanea totale (ITT), detta anche 'invalidità assoluta', e di invalidità temporanea parziale (ITP) sono stabiliti per legge dall'art. 5 L.57/2001 e definiti anche dal Dlgs. 209/2005 (Codice delle Assicurazioni private)

I valori economici del punto base e dell'indennità giornaliera sono aggiornati annualmente in base all' indice ISTAT.

A seguito dell'elaborazione giurisprudenziale del danno biologico è stata introdotta quale voce aggiuntiva quella del "danno morale", generalmente quantificato nella misura di 1/3 o di 1/4 del totale riconosciuto a titolo di biologico.

Tale modalità di calcolo inizialmente accettata in modo "automatico" è stata messa in discussione da alcune sentenze della Cassazione dell'11 novembre 2008 (c.d. sentenze di San Martino nn. 26972/2008 e seguenti) le quali hanno escluso tale automatismo ritenendo che il danno non patrimoniale (e quindi anche quello definito come "morale") non possa essere considerata una categoria autonoma rispetto al danno biologico, ma debba comunque rientrare in esso.

Come tale il danno non patrimoniale (nel quale rientravano le più ampie categorie giurisprudenziali del danno morale, esistenziale, ecc..) non può essere liquidato come voce autonoma se non nei casi espressamente previsti dalla legge (es: quale conseguenza di un reato), fatta sempre salva, però, la possibilità, da parte dei Tribunali, a seconda dei casi, di "personalizzare" il danno attraverso il riconoscimento di ulteriori somme di denaro (oltre a quelle "tabellari") che siano giustificate dall'esistenza di un pregiudizio ulteriore oltre a quello prettamente "fisico", purchè trattasi sempre di conseguenza effettiva del danno biologico e  non sia mai considerato come categoria a se stante.

L'utility che segue consente di calcolare il danno biologico relativo alle sole lesioni micropermanenti secondo i criteri tabellari sopra indicati con possibilità (per i motivi su esposti) di scegliere se escludere o meno la voce del danno morale.



- altri criteri utilizzati dagli Uffici Giudiziari 
 
Oltre ai criteri sopra indicati alcuni uffici giudiziari utilizzano proprie tabelle di quantificazione del danno biologico che vengono periodicamente aggiornate.

La più note sono quelle elaboratedai Tribunali di Milano e Roma, alle quali altri uffici giudiziari nazionali frequentemente si rifanno.

Tali tabelle, a differenza di quelle legislative, sono composte da voci di risarcimento "omnicomprensive" che contengono, cioè, già in sè, tutti gli aspetti del danno subito e, dunque, anche quello non patrimoniale.

L'applicazione che segue consente di calcolare gli importi dovuti a titolo di danno biologico, secondo quanto previsto dalle tabelle elaborate dal Tribunale di Milano o dal Tribunale di Roma.



Tra gli allegati vengono riportate le tabelle di cui alla l. 57/2001, a partire dall'anno 2009 periodicamente aggiornate con decreto ministeriale nonchè quelle utilizzate dagli uffici giudiziari di Roma e Milano



 I seguenti link danno accesso ad una pagina nella quale viene periodicamente raccolta giurisprudenza rilevante in materia di danno biologico e non patrimoniale.

  • Danno non patrimoniale: è una voce unitaria Cassazione civile , sez. III, sentenza 16.05.2013 n° 11950Come ha già avuto modo di statuire questa Corte, poichè il danno biologico ha natura non patrimoniale e il danno ...
    Inviato in data 15/lug/2013 02:19 da Emilio Curci
  • Sì al danno esistenziale, ma può essere incluso nel biologico Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 04.06.2013 n° 14017Dalla lettura integrale della sentenza d'appello si evince che la Corte territoriale non ha inteso negare l'esistenza del ...
    Inviato in data 15/lug/2013 02:13 da Emilio Curci
  • La mancanza di un danno biologico non esclude l'esistenza di un danno morale soggettivo Cassazione civile , sez. III, sentenza 20.11.2012 n° 20292La mancanza di "danno" (conseguenza dannosa) biologico, non esclude, in astratto, la configurabilità di un danno morale soggettivo (da sofferenza ...
    Inviato in data 17/dic/2012 09:06 da Emilio Curci
  • Se il danno biologico liquidato è inferiore ai minimi tabellari, giudice deve motivare Cassazione civile , sez. III, sentenza 29.05.2012 n° 8557Integra gli estremi del vizio di contraddittoria motivazione, che il giudice abbia espressamente richiamato le tabelle distrettuali senza farne, in ...
    Inviato in data 11/giu/2012 02:56 da Emilio Curci
  • Il Tribunale di Roma dà prevalenza alle proprie tabelle per la liquidazione del danno biologico Tribunale Roma, Sezione 13 civile - Sentenza 22 febbraio 2012È nota a questo Tribunale la recente sentenza della Cassazione, sezione III civile, n. 12408/2011, secondo la quale la liquidazione ...
    Inviato in data 15/mag/2012 07:32 da Emilio Curci
Post visualizzati 1 - 5 di 13. Visualizza altro »


Č
Ċ
ď
Emilio Curci,
26/mar/2013 08:15
Ċ
ď
Roma2013.pdf
(1293k)
Emilio Curci,
09/apr/2013 09:32
Ċ
ď
Emilio Curci,
18/apr/2011 03:34
Ċ
ď
roma2011.pdf
(2586k)
Emilio Curci,
18/apr/2011 03:33
Ċ
ď
Emilio Curci,
30/giu/2011 10:34
Ċ
ď
Emilio Curci,
30/giu/2011 10:26
Ċ
ď
Emilio Curci,
30/giu/2011 10:20
Ċ
ď
Emilio Curci,
29/giu/2012 08:12
Ċ
ď
Emilio Curci,
17/giu/2013 11:07